• Recanati e Loreto Marche, due gioielli da scoprire

    Nelle Marche, e a poca distanza l’una dall’altra, appena 7 km, sorgono queste due splendide cittadine, Recanati e Loreto Marche, due gioielli che potrete visitare anche nell’arco di una sola giornata. La prima tappa è da dedicare alla splendida cittadina di Recanati, nota per aver dato i natali ad uno dei poeti più importanti della nostra letteratura, Giacomo Leopardi, il poeta malinconico.  Tutto è racchiuso nello splendido borgo, così come  la casa del poeta che, inutile dirlo, è l’attrattiva principale del paese. Per arrivarci bisogna attraversare i bellissimi vicoli con le tipiche case a mattoncini decorate con splendidi vasi di fiori appesi ai muri, tutto molto curato. I biglietti per entrare alla casa del poeta  si acquistano direttamante lì.

    Ma fate attenzione ad un paio di cose, vista la mole di gente al momento dell’acquisto vi daranno un orario prestabilito per l’inizio del tour, poichè la visita è con un accompagnatore che vi illustrerà e racconterà tutta la storia del poeta. Fate attenzione, comprate solo i biglietti  per la visita della biblioteca (€ 7.00) e non quello cumulativo con  il museo il cui costo è totale di circa € 10.00. La visita alla biblioteca è la la parte essenziale del tour,  sia per la mole di testi contenuti ed appartenuti alla famiglia Leopardi, sia per alcuni oggetti personali appartenuti allo stesso poeta. La guida vi darà delle spiegazioni e informazioni davvero interessanti e soprattutto coinvolgenti. Sarà possibile visitare solo la biblioteca e non il resto della casa che, ancora oggi è abitata dai discendenti del poeta. Per quanto concerne il museo è solo  un insieme di foto e oggetti esposti che, senza una spiegazione diventano poco interessanti ed utili. Dalle finestre della biblioteca potrete ammirare di fronte  anche la casa di Silvia, la tanto amata donzella  a cui  Leopardi a dedicato l’omonima e celebre poesia. Terminata la visita in biblioteca (che non si può fotografare!) non perdete l’immancabile passeggiata a piedi con tanto di vista sul Colle dell’Infinito, un luogo che  vi darà un senso di pace incredibile! Ovviamente non manca uno shop dove poter acquistare i testi del poeta, libri e saggi sull’artista e oggettistica varia.

    Da Recanati potrete arrivare  fino a Loreto per ammirare la Basilica. Di pomeriggio non troverete molta confusione, al contrario del mattino, visto che si tengono le funzioni che accolgono fedeli proveninti da tutta italia.  La Basilica è nota perchè all’interno è contenuta la Casa Santa che è considerata come la casa in muratura appartenuta alla Madonna e che è stata trasportata a Loreto da Nazareth. Seconda  la tradizione nel 1291 la casa è stata portata in salvo dai crociati che abbandonarono definitivamente la Terra Santa ed invece, secondo la devota tradizione, sono stati gli angeli del cielo a portarla qui trasportata dal volere divino. Del (Copy)ntro la Casa Santa c’è la famosa Madonna di Loreto che diversamnete da come siamo abituati a vederla nelle sacre rappresentazioni, è nera. Anche qui non mancano numerose spiegazioni ad indicare il motivo di questo particolare “colore”. Secondo una diffusa versione, il sole viene assunto come simbolo di Dio che con i raggi della sua grazia che, inondando Maria,  la rende bruna. Altra versione vuole che  il fumo delle numerose lampade che ardevano ininterrottamente nel piccolo abitacolo della S. Casa, pare abbia  intensificato, nel corso dei secoli, il primitivo colore bruno del viso e annerito il manto (in origine azzurro) e la veste (dorata). Emozionante poi vedere il solco, all’esterno della Casa Santa, che le persone hanno lasciato nel corso dei secoli per pregare in ginocchio! Quandi uscte dalla Basilica fatte una sosta, alle spalle della Chiesa, dove  c’è una esposizione permanente del Presepe, è abbastanza grande, con   statue in movimento. L’ingresso è ad offerta.



Comments


  • Leave a comment